Categoria: Gossip Alimentare

Carboidrati semplici, complessi, zuccheri… quali sono? Via la confusione

Carboidrati semplici e complessi

Scrivo questo articolo per fare un po’ di chiarezza intorno all’argomento carboidrati.

Molto spesso infatti ricevo domande un po’ confuse, in cui vedo utilizzare a sproposito termini come carboidrati semplici o complessi, e ovviamente per poter mettere in pratica i giusti consigli sull’alimentazione è necessario conoscere queste basi.

Ci tengo a dire però che la colpa non è di chi legge e cerca di informarsi su questi temi (anzi, complimenti se sei tra questi), ma di chi scrive articoli un po’ generalisti, banali, poco approfonditi e scopiazzati qua e là senza avere chiaro in testa l’argomento.

Parliamo quindi di carboidrati semplici e complessi, di zuccheri, di amidi ma anche di fibre.

 

Meglio carboidrati complessi o semplici?

Domanda sbagliata.

Come succedeva con i grassi, anche sui carboidrati ci sono alcune linee di pensiero comuni assolutamente insensate.

Forse ti sarà capitato di sentire:

“Bisogna evitare i carboidrati semplici e preferire quelli complessi… perché questi ultimi rilasciano lo zucchero nel sangue più lentamente”!.

Il che è come dire che è meglio mangiare una pizza o un piatto di pasta (carboidrati complessi) rispetto a 500 grammi di frutta (carboidrati semplici), perché la pizza ha un’impatto più debole sulla glicemia.

Ovviamente non è così. Prova a pensare a come ti senti dopo aver mangiato una pizza oppure della frutta: cosa ti provoca maggiore sonnolenza?

O ancora peggio, credere che i carboidrati non facciano ingrassare, oppure che siano necessari nei momenti di stanchezza per recuperare le energie (accade esattamente l’opposto).

La realtà è che non si può rispondere direttamente questa domanda, ma dipende da alimento a alimento.

Ti invito quindi a fare un piccolo “reset” di queste vecchie convinzioni e a seguirmi nell’articolo. Buona lettura!

Condividi:

Omega 3 6 9: quali sono e a cosa servono

Omega 3, 6, 9

Si sente molto parlare degli omega 3, 6, 9… ma c’è anche molta disinformazione a riguardo.

Sono grassi assolutamente fondamentali per la vita, e mente alcuni di questi offrono grandi benefici, altri nascondono delle insidie.

In questo articolo andiamo a vedere nel dettaglio (ma senza entrare troppo nel “tecnico”) dove si trovano e a cosa servono, se c’è bisogno o no di ricorrere ad integratori di Omega 3 6 9, e infine una mini guida pratica per introdurli al meglio con l’alimentazione.

Omega 3-6-9: cosa sono?

I primi due sono generalmente definiti grassi essenziali, perché l’organismo non può produrli da sé ma li dobbiamo assumere con la dieta. E tutti e 3 sono anche dei grassi polinsaturi, in contrapposizione ai grassi monoinsaturi (che si trovano ad esempio nell’olio di oliva) e ai grassi saturi (che troviamo invece nella carne, nel cocco, nel formaggio).

Un comune errore, di cui ho parlato in questo articolo, è pensare che dire grassi polinsaturi e dire grassi buoni sia la stessa cosa: ciò non è affatto vero, dal momento che esistono grassi saturi buoni e grassi polinsaturi cattivi. Bisogna quindi conoscere la singola fonte da dove provengono.

Ma non preoccuparti, con questa mini-guida ti sarà presto chiaro.

Condividi:

Come accelerare il metabolismo naturalmente in 3 passi

te-verde

Se vuoi perdere peso o mantenere il tuo peso attuale senza difficoltà, la prima cosa a cui devi pensare è come accelerare naturalmente il metabolismo.

 

Se fai parte di uno dei seguenti casi:

  • Se riuscito a perdere peso, ma l’hai riacquistato subito dopo;
  • La tua percentuale di massa grassa scende molto lentamente, pur con una buona alimentazione;
  • Ogni volta che “sgarri”, metti su chili immediatamente.

 

Allora leggi con attenzione questo articolo, perchè fa proprio al caso tuo. Infatti avere sempre il proprio metabolismo basale veloce è importante non solo durante il dimagrimento, ma anche successivamente nel mantenimento.

Purtroppo intorno a questo argomento girano diversi “miti” infondati (scoprirai il più diffuso di questi tra poche righe), così le persone si trovano a mettere in pratica suggerimenti divulgati da siti di “benessere” ottenendo ZERO risultati (e correndo anche qualche rischio).

 

Il metodo più diffuso (e sbagliato) per velocizzare il metabolismo

Condividi:

Ecco come i cibi light ti fanno ingrassare

cibi-lightConsumi cibi light per dimagrire?
In realtà ti fanno ingrassare.
Ma c’è di più

Cosa significa light?

Intanto chiariamo cosa vuol dire davvero quando un alimento al supermercato presenta la scritta “Light” sulla confezione.

Questa dicitura è permessa quando l’alimento contiene almeno il 30% di calorie in meno rispetto alla controparte normale, risultato che si ottiene facilmente riducendone il contenuto di grassi, che come tutti sappiamo sono più calorici rispetto a proteine e carboidrati (ben 9 calorie per grammo rispetto a circa 4,5).

Quindi come prima cosa, è facile comprendere che non parliamo di alimenti naturalmente poveri di grassi, ma di cibi che subiscono una trasformazione e che vengono privati di una parte di essi. Già qui possiamo elencare 3 problemi che sorgono a causa del processamento:

Condividi:

Gruppi sanguigni e alimentazione: ecco perché ci crediamo

gruppo-sanguigno-alimentazioneLa dieta del gruppo sanguigno ha qualcosa di diverso rispetto alle altre diete.

Solitamente tutti i programmi alimentari “miracolosi” vengono diffusi con un libro, supportati da un paio di studi (poco seri) e soprattutto da qualche milione di dollari.
In questo modo hanno una grossa visibilità iniziale che però crolla velocemente lasciando spazio, l’anno successivo, ad un’altra dieta definitiva supportata da qualche incredibile scoperta.

Ma stavolta non è così.

 

Gruppi sanguigni e alimentazione: esiste un legame?

Quella dei gruppi sanguigni è una dieta che sta resistendo da un paio di decenni e probabilmente avrà ancora vita lunga, infatti se è valida o meno rientra sicuramente tra le 5 domande più comuni che mi vengono poste.

Il motivo per cui la gente continua a parlarne è perché, a suo modo, FUNZIONA. Nel senso che adottandola hai buone possibilità di perdere peso, disintossicarti e sentirti più in forma, ma attenzione: i risultati che puoi ottenere non hanno niente a che fare con i principi che stanno alla base di questa dieta.

Continua a leggere l’articolo per scoprire cosa funziona e perché.

Condividi:

3 Bugie sull’alimentazione a cui il 90% delle persone ancora crede

granoSe le tue fonti di informazione riguardo la nutrizione sono il depliant nel negozio di alimenti biologici e l’ “esperto”  in TV pagato per promuovere prodotti e consigli favorevoli all’azienda di turno, allora potrei risultarti molto antipatico dopo la lettura di questo post.

In questo articolo ho raccolto 3 delle più diffuse (e pericolose) leggende metropolitane che ancora sono radicate nella mente di milioni di persone.

Questo è dovuto a un mix di malafede (molte cose sono cambiate negli ultimi anni e i vari “professionisti della salute” dovrebbero, perlomeno da un punto di vista etico, aggiornarsi e mettere in discussione quanto imparato decenni fa) e ignoranza, dato che l’alimentazione è un argomento per il quale a molti piace autodefinirsi “esperti” magari semplicemente ripetendo le cose per sentito dire, senza averle mai verificate.

Vuoi uscire dal coro del “gossip alimentare”? Ecco qui 3 validi punti di partenza:

Condividi:

10 benefici del caffè che non conoscevi (seconda parte)


Continuiamo la carrellata iniziata qualche giorno fa in questo articolo, con gli ultimi 5 benefici derivanti dall’uso (ma non dall’abuso) di caffè.

Ti ricordo che tutti i 10 punti sono una traduzione dell’articolo presente sul sito americano Authoritynutrition.com, che non necessariamente rispecchia il mio pensiero.

Anzi, a fine articolo inseriro un mio personale commento con il quale capirai perché prendere per oro colato queste informazioni senza rifletterci un momento può essere un errore.

Bene, iniziamo!

6 – Il caffè NON è associato all’aumento di malattie cardiovascolari

Le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte in Occidente, solitamente il risultato di un danneggiamento del flusso sanguigno nelle arterie che portano sangue al cuore.

Condividi: