Categoria: Stanchezza Fisica

I migliori 3 Integratori per stanchezza mentale e fisica (e dove trovarli)

integratori per la stanchezza

Hai davvero bisogno di integratori per combattere la stanchezza?

Una delle domande che ricevo costantemente, e per la quale ho dedicato oggi un intero articolo, riguarda gli integratori alimentari:

“Ultimamente soffro di stanchezza eccessiva. Cosa posso integrare?”

Se te lo stai chiedendo in questo momento e vuoi una risposta da me, purtroppo devo deluderti: non esiste un integratore che, preso per qualche giorno, possa aumentare in modo netto i tuoi livelli di energia.

Detto in altri termini: non esistono gli integratori “per la stanchezza”: semplicemente perché la stanchezza non è dettata da un singolo nutriente ma per essere eliminata necessita di un programma da seguire.
Se la tua alimentazione è già scarsa, non ti aspettare che un singolo integratore possa fare miracoli.

Condividi:

7 rimedi per la stanchezza immediati (o quasi)

rimedi-stanchezzaSe conosci un po’ me e il mio Metodo sai che i problemi di stanchezza possono essere risolti alla radice e definitivamente solo mettendo in pratica un programma specifico.

Tuttavia in questo articolo, dedicato soprattutto a chi è nuovo di queste parti, voglio presentarti delle piccole ma efficaci strategie in grado di darti sollievo dalla stanchezza (sia fisica sia mentale) in modo quasi immediato, così che tu possa portare a termine la giornata con più energia anche se continui a commettere errori di base (esempio, hai un sonno di bassa qualità).

 

7 rimedi per la stanchezza subito efficaci 

Condividi:

3 + 1 Consigli per Rinforzare il Sistema Immunitario

sistema-immunitarioCon l’avvicinarsi dei mesi freddi diventa sempre più importante prepararsi al pericolo “influenza stagionale” al fine di evitare cali di energia e giorni e giorni di completo stordimento.

Se tutto questo ti preoccupa, sappi che il modo migliore per farlo è giocare in difesa e rafforzare il sistema immunitario, permettendo all’organismo di ritrovare la sua naturale difesa contro gli agenti esterni.

 

Come aumentare le difese immunitarie?

Qui sotto ti elenco 3 +1 consigli, naturali ed efficaci, per migliorare la qualità e aumentare la quantità delle cellule deputate alla difesa dell’organismo.

 

1 – Cibi fermentati

L’80% del sistema immunitario si trova all’interno dell’intestino. La sua salute è garantita dall’equilibro tra i batteri “buoni” e “cattivi” che popolano la flora intestinale, equilibrio che però è messo in pericolo quotidianamente a causa dello stile di vita moderno (i principali colpevoli sono i farmaci, lo stress e gli zuccheri).

Condividi:

Metalli pesanti negli alimenti: istruzioni per l’autodifesa

Intossicazione da metalli pesanti

L’intossicazione da metalli pesanti è un problema riconosciuto soprattutto perché ormai è nota (in ambito scientifico) la correlazione tra un “accumulo” lento e progressivo di questi nell’organismo e la comparsa di patologie croniche.

Quello che davvero manca è l’informazione a livello pratico. Ovvero:

quali sono i metalli tossici? Come agiscono all’interno del nostro organismo? Dove si trovano e come possiamo limitare l’esposizione, per quanto possibile?

Siccome l’argomento è estremamente importante, queste sono le domande a cui risponderò nell’articolo che stai leggendo.

Ti basti sapere che oggi siamo centinaia di volte più esposti a queste sostanze tossiche rispetto a 50 o 100 anni fa. Continua a leggere!

Condividi:

Stanchezza Autunnale? Ecco da cosa dipende davvero

Proprio questo periodo che stiamo attraversando, provoca regolarmente una forma di stanchezza che colpisce una percentuale davvero alta di persone, a causa di alcuni fattori che agiscono in concomitanza.

I sintomi della stanchezza autunnale sono pesantezza alle gambe, che si verifica soprattutto nella prima parte della giornata (molto sentita è la famosa stanchezza mattutina), e più o meno marcati problemi di concentrazione sia a riposo sia durante il lavoro.

Ti riconosci in questa descrizione? Se anche tu ti riconosci in questi disturbi, continua a leggere qui sotto.

In particolare, possiamo individuare due fattori principali che scatenano il problema:

Condividi:

Sonnolenza dopo mangiato: l’errore che commettono tutti

Ti capita di alzarti da tavola dopo mangiato e sentirti come se avessi appena scalato una montagna? Di non desiderare altro che andare a dormire e avere la sensazione di avere un peso enorme sullo stomaco?

Se ti vedi in questa situazione, leggere questo articolo potrebbe liberarti una volta per tutte del problema della sonnolenza dopo mangiato o postprandiale.

Per prima cosa devi sapere che la digestione richiede moltissima energia: quando hai smesso di mangiare, tutte le energie che normalmente sono riservate a muscoli e cervello vengono convogliate al sistema digestivo, ed ecco spiegate spossatezza e confusione mentale.

Questa sensazione rimane viva per circa un paio d’ore, minando la produttività, l’attenzione e qualsiasi attività tu abbia in programma.

Ma è naturale sentirsi così dopo pranzo? Ovviamente no: andiamo quindi a vedere qual è la principale causa e come evitarla per alzarsi da tavola più scattanti di prima.

Condividi:

Stanchezza e stress da rientro? Scopri come superarle

Se stai leggendo questo articolo probabilmente sei tra coloro che hanno da poco fatto ritorno a casa per ricominciare la vita di tutti i giorni, dopo un periodo più o meno lungo di vacanze.

Ma invece di sentirti carico e riposato, ti sembra quasi di aver lavorato anche in ferie, come se il relax portato da quei pochi giorni/settimane fosse già svanito.

Siccome è una condizione abbastanza comune – definita generalmente “stanchezza da rientro” – e molti si chiedono da cosa dipenda, ho deciso di scriverci un articolo per chiarirne le cause e i trucchi per diminuirne o addirittura annullarne gli effetti. Buona lettura!

 

Quanto pesa la componente psicologica?

Per prima cosa chiariamo un equivoco: ogni fattore ha un suo peso e può variare da persona a persona, ma sicuramente non ci si può nascondere dietro a motivazioni puramente psicologiche.

Se è vero che il pensiero di tornare a casa ci deprime un po’, dobbiamo ammettere che ne eravamo

Condividi: